Big Takeover, cap. VI – Milan-Zéna 0-0

Avete presente Lolita di Nabokov? Domenica alla fine di Milan-Genoa ero così prostrato che mi sentivo come Humbert Humbert senza la sua Lo, quando se ne sta sdraiato a fumare su un letto in un hotel a due stelle del Wyoming, perso mentre la pioggia batte sulle assi di legno e sul giradischi gira gracchiando un vinile di Etta James. Fissavo (idealmente) il soffitto e mi dicevo: “Milan mio, non era così che me l’ero immaginato”.

Cioè dai, uno non pensava di passare un Ottobre del genere (e attenzione, non è ancora finito, anzi con i gobbi rischiamo di concluderlo in gloria). Avevamo lasciato Settembre tutto sommato speranzosi, dopo un timido filotto di vittorie contro big come Cagliari, Spal e Udinese. Da lì in poi invece il buio, fatto di zero vittorie (a meno che vogliate contare la dannunziana impresa contro il Fiume, o il Rijeka che dir si voglia) e infinite amarezze, incluso un derby suicidato tipo la buonanima di Pinelli.

Al termine di tre strazianti e frustanti minuti di recupero il popolo rossonero (che comunque si era presentato nel numero non indifferente di un bel 40mila unità) ha dato prova della sua comprensibile schizofrenia fischiando e applaudendo al tempo stesso. Fischi per l’ennesima vittoria mancata che ci lascia a tipo mille punti dal mitico quarto posto, applausi perché i ragazzi in 10 per praticamente tutta la partita ce l’avevano messa tutta. E da lì via, dispersi nel movimento e nella notte che incombeva su Milano, ognuno smarrito nei rivoli in cui si compone attualmente il mare magno milanista. Tipo:

  1. L’Apocalittico di ritorno – “Se pensate che abbiamo raggiunto il fondo, non sapete cosa ci tocca. Al massimo con po’ di culo (quale?) ci salviamo all’ultima, lo spogliatoio è spaccato, non ci sono manco più i soldi per pagare la connessione che serve a Bonucci per mettere su fb i suoi post motivazionali. Mister Li non esiste e l’indirizzo della sua società in realtà fa riferimento ad un sottoscala di Paolo Sarpi, dove in 120 in 30 metri quadrati cuciono vestiti e riparano iPhone falsi. Fassone perde pure a Monopoli e come minimo falliremo. Se va bene”.
  2. La poiana del malaugurio (aka Il re del web; account: @IOLAVEVODETTO) – “Già dai primi 20 minuti contro il Craiova era evidente come fosse da esonerare Montella. Non possiamo giocare in tre dietro. A quattro in mezzo, con i laterali alti, con due in mediana, con il trequartista arretrato, non possiamo giocare in NESSUN modo. Kalinic non mi convince, mi sarei accontentato di Aubameyang (ndr: grazie al cazzo). Bonucci io non lo volevo. Anche quando tutti voi il giorno dell’acquisto andavate a fare i caroselli in Duomo. Tutti, tranne ME”.
  3. Il complottista mascherato – “La vecchia guarda sta remando contro. Montolivo, essendo anche l’unico che capisce il tedesco, dice di nascosto a Rodriguez di non saltare l’uomo, altrimenti Montella lo toglie e richiama De Sciglio in prestito. Bonaventura e Suso vogliono lasciare la squadra come ha fatto Robbie Williams con i Take That. In realtà il Berlusca non ci ha mai venduto e questa è tutta una tattica per farci fallire, ricomprare il Milan da se stesso a due lire e in nome del Bel Giuoco, farsi passare come il salvatore della patria again come nel 1986 e farsi eleggere presidente degli USA”.
  4. L’integralista cacciavitesco – Non ci sono dichiarazioni da riportare perché non parla più con nessuno, è troppo sdegnato con me, con voi, con tutti. Allo stadio s’incazza, bestemmia e sputa sangue insultando ogni giocatore fino al terzo grado di parentela, poi appena una parte dello stadio inizia a fischiare si alza agitando i pugni al vento e dando a tutti degli interisti. A fine partita se ne va furioso, poi a casa rivede in VHS le partite del Mundialito e ripassa la formazione di Cesena 1982 con gli occhi lucidi. Evita di leggere giornali e siti per tre giorni, finché inizia a salirgli la scimmia e calcola quanto manca alla prossima. Si è già innamorato di Borini perché è arrivato spernacchiato da tutti ma in campo mette quella cajenna che ci fa tenere nel portafoglio la foto di Gattuso al posto di quella di figli/fidanzate/Padre Pio.

Ecco. Che poi a dir la verità, io per causa di forza maggiore domenica a San Siro non dovevo nemmeno andarci. Ma tanto alla fine, in un modo o nell’altro, venti minuti prima ero lì a fare lo splendido al baretto con la birra in mano. Che voi direte: “Era meglio se te ne stavi a casa”. Ma col cazzo. A questo punto voglio vedere come va a finire. United we stand, divided we fall. eE se cadremo, cadremo assieme.

E adesso scusatemi, ma devo andare ad accendere un cero sotto la figurina Panini di Joe Jordan, quella con lo sponsor Pooh sulla maglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.