Inter-Milan 2-2, le Pagelle Che Non Lo Erano

Come forse avete inteso dire, se siete gente ben informata, è stato il primo derby cinese. Forse avete anche letto o sentito prestigiose battute in cui la letttera elle sostituiva la lettera erre, anche da parte di scintillanti giornalisti pronti a sfoderare amenità che curiosamente non si sognavano di sussurrare quando Gheddafi aveva una bella percentuale di quote di una certa squadra – ed era peraltro il meno delinquente del mazzo. Così, tanto per portare un po’ di musica nuova, eccoci qui a portare un po’ di musica, appunto, contenente accenni al Celeste Impero: su, cantate con noi qualche canzonCina – ahaha.
Donnarumma – David Bowie: China Girl
“Non dovresti aver a che fare con noi, rovineremo tutto quel che sei”. Ovvero: BASTA retropassaggi a quest’uomo. Quanto al primo gol, stupisce più che non vada istintivamente a proteggersi la faccia (cosa che poteva esserci utile) che non una eventuale mancata uscita su Candreva scortato fino in area piccola dal solerte capitano. Per il resto non è chiamato in causa praticamente mai dagli strepitosi guerrieri che a ogni mossetta eccitano l’eccitabile pubblico di casa.
Calabria – Ella Fitzgerald: Slow boat to China
Un passo indietro rispetto alla prova col Palermo: paga la tassa Perisic, ma poteva andare anche peggio. Più che altro, quando sale ha il dinamismo di una nave diretta verso la Cina – e una lenta, per di più.
Romagnoli – Club Dogo: In discoteca (Chi se ne frega)
Con l’ignoranza greve del trio che proclama che “La vita è corta come il pistulino dei cinesi” (cosa che non ne aumenta granché la popolarità in via Paolo Sarpi) entra quasi a gamba tesa su quello snobissimo pallone che fino a quel momento stava stupidamente premiando i nostri avversari.
Zapata – The Doobie Brothers: China Grove
A volte tocca constatare con stupore che il vecchio rock’n’roll più crapone risulta più esaltante delle mirabilie technodancepop prodotte da quegli stupidi nerd svedesi. È il migliore in campo (insieme al loro leader di giornata, Handanovic) e questo già prima del momento di umoristica coordinazione finale che solo gli déi possono aver guidato.
De Sciglio – Paolo Conte: Lo zio
“Shoe shiner, shiner, shiner, come back to my Chinatown”. Sono anni che ci speriamo, sono anni che ci vogliamo credere, ma non c’è nulla da fare: sarà sempre e solo degno, al massimo, di lustrare le scarpe ai nostri difensori di una volta, specie quelli diventati capitani.
Mati Fernandez – Franco Battiato: Centro di gravità permanente
“Per le strade di Pechino erano giorni di maggio. tra noi si scherzava a raccogliere ortiche”. Ecco, è quel che sembra fare lui. Non è inerte, si dà da fare, ma ci sfugge un po’ il reale contributo al benessere generale di quell’indefesso raccattare ortiche.
Sosa – Ivano Fossati: La cinese
Versione per i fan di Fossati: fondamentale straordinario capolavoro solo impercettibilmente al di sotto altre opere titaniche e ancora più irrinunciabili del gigantesco maestro. Versione per noi buzzurri: sarà anche maestro e pure professore, ma che impressionante schifezza.
Kucka – Amanda Lear: Queen of Chinatown
Malgrado un riconosciuto carisma e storia personale, ne ha fatte di boiate. Gioca la partita di Pasalic, senza rivelarsi inspiegabilmente rapace come capita a Pasalic. Così, quando come l’Amandona si accomoda lontano dalle luci dei riflettori, capita che il credito di cui gode aumenti.
Suso – Guns’n’Roses: Chinese Democracy
La sua partenza è un riff di quelli che squassano, ma poi si perde via: ci prova sempre, ma nel secondo tempo a ogni movimento si ritrova attorno tanti interisti più o meno quanti sono i chitarristi ingaggiati da Axl Rose per sostituire Slash.
Deulofeu – Coldplay, Rihanna: Princess of China
Brilla di puro glamour, ma I risultati non arrivano: ci si mette il palo, ci si mette Handanovic (il migliore di quei dominatori nati dei nostri avversari), ci si mette pure lui che a volte è francamente cincischioso, ci si mette Orsato che non abbocca alle sue pantomime barcelloniche – che detto tra noi, stanno diventando un po’ stucchevoli. Peccato perché la partita a un certo punto sembrava fatta apposta per lui.
Bacca – Van Halen: China Town
Oggi mette malinconia ma ha conosciuto tempi in cui era irresistibile. Più o meno negli anni Ottanta.
Lapadula – Litfiba: Il vento
“Col mio cuore in quella piazza tieni a mente Tienanmen”. Come sempre porta a casa l’ammirazione retorica per essersi battuto generosamente. Però diventa sempre più improbabile l’ipotesi di vederlo portare a casa il pallone.
Locatelli – Lily Allen: Chinese
La canzone inneggia al cibo cinese, e al suo grande mistero: non è buono, ma ci piace. Quando entra in scena, i nostri avversari lo capiscono dall’odore, che c’è qualcosa di speziato nell’aria: quelli che non randella, si buttano in terra spontaneamente, anche in spregio alla supervirilità maschiona che da sempre decantano.
Ocampos – Sfera Ebbasta: Ciny
Ma no, ma si parla di Cinisello Balsamo, non di Cina, ma che c’entra, che c’entra??? CHE C’ENTRA?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.