Terapia di gruppo – CATANIA

Catania stemma

PASQUALEMARINO (di Giuseppe Pastore)
Non essendo mai stato fisicamente in Sicilia, ignoravo che il Catania avesse una dignità calcistica fino a circa una decina d’anni fa, quando Gaucci piantò un casino che durò tutta l’estate e fece addirittura slittare i campionati. Quanto al resto, sfrutto questo spazio per un sincero omaggio ad uno degli allenatori e maestri di calcio più sottovalutati dell’ultimo decennio: il mitico Pasquale Marino da Marsala, lo Zeman siculo, purtroppo non abbastanza paraculo e sorrisodiplastica per essere degno di un posto fisso in serie A (e anche perché, come molti suoi colleghi che insegnano calcio, ha oggettive difficoltà a subentrare a stagione in corso). Era un grande Catania con Re Giorgio Corona a dettare legge in attacco e in porta il bizzarro Armando Pantanelli, più tardi mattatore delle televendite sulle tv locali pugliesi.

PEDRINHO E LUVANOR (di Gabriele Battaglia)
Nell’epoca pre-miliardaria (e quindi pre-pre-default) del calcio italiano, sbarcarono nel Belpaese degli autentici pagliacci travestiti da campioni. Quelli che della coppia di clown avevano perfino il nome finirono nell’unico Catania in serie A di quegli anni. Pedrinho e Luvanor, una formuletta che ti rimbalza ancora in bocca trent’anni dopo, come Gelsomina e Zampanò, Batatinha e Grock. E sai già che il primo è quello piccolino e naive che fa i disastri senza accorgersene e il secondo invece è il fanfarone che finisce inevitabilmente con il culo per terra: Stallio il primo, Ollio il secondo. Oh, io manco mi ricordo che faccia avessero, scopro però che Pedrinho, quello che combina i pasticci senza accorgersene, ci fece un gol a San Siro. Del resto eravamo una neopromossa pure noi, con in rosa un certo Paciocco, clownescamente abbinabile con il meraviglioso “Bombardiere Nero” che anni dopo sarebbe perfino diventato nome collettivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.