Le Pagelle Che Non Lo Erano. Sampdoria-Milan: Tozzi Fan

La Sampierdarenese è la squadra del cuore di Paolo Villaggio, e non potevamo esimerci dal dedicare le nostre pagelle tematiche al mondo da lui inventato, quello fantozzesco, che oltre tutto negli ultimi tempi si confà magnificamente a una squadra brillantemente presieduta da un Gr. Ladr. Farabut. di Gr. Croc. Mascalz. Assas. Figl. di Gr. Putt.

DIEGO LOPEZ – Come Pina Fantozzi, non è propriamente bello, però ci tiene in piedi.
DE SCIGLIO – Presidia la sua zona con la perentoria tenacia di una contessina Serbelloni Mazzanti Vien dal Mare.
RAMI- Noi speriamo sempre che si trasformi in Ivan il Terribile XXXII, “discendente diretto di Ivan il Terribile I, appartenuto allo Zar Nicola, leggendario campione di caccia al mugiko nella steppa, e fucilato come nemico del popolo durante la Rivoluzione di Ottobre sulla Piazza Rossa”. Invece, sembra flirtare con gli attaccanti avversari come la Signorina Silvani.
MEXES- E’ tornato il re degli ignoranti! In fondo, a suo modo, ci è mancato: dopo tutto cosa sarebbe la nostra Megaditta senza di lui? Sua, ad honorem, la parte dell’arrogante Geometra Calboni.
BONERA – Ci stiamo convincendo che non è nemmeno colpa sua: è come se ci fosse un tragico copione, un montaggio analogico che gli impone l’ennesima replica di un naufragio: sta di fatto che è lui, la nostra Corazzata Kotemkin
ESSIEN – E nonostante l’accento svedese, i mollettoni in testa e la pelle nera, basta un attimo per riconoscerlo: “E’ lei, Fantozzi?”
DE JONG – Ultimamente sembra più autoritario che autorevole, un po’ come il Megadirettore Clamoroso Duca Conte Pier Carlo ing. Semenzara.
BONAVENTURA – Ci prova senza risparmio con commovente zelo e con lo slancio del Ragionier Filini alla coppa Cobram, ma la palla non entra; quando Mesbah gli toglie di mano la palla del 2-2, sul dischetto si presenta Menez, e lui non può che chinare il capo e mormorare: “Batti lei”.
EL SHAARAWY – Dopo il gol, di colpo assume in questa squadra la posizione del Megadirettore Galattico Duca Conte Barambani: una confidenza nei propri mezzi che in qualche modo rende più evidente la totale mancanza di sicurezza degli impiegati attorno a lui. 
HONDA – Bello e carismatico quanto la piccola Mariangela.
MENEZ – Come Cecco, l’orrendo butterato, pur non meritando il nostro amore riesce a piazzarci il suo sfilatino.
TORRES – Lotta ma con piglio utopistico, senza un disegno politico credibile – esattamente come il Ragionier Folagra, il comunista della Megaditta. E come lui, sembra che la maggior parte degli impiegati rossoneri lo eviti.
POLI – Nessuno meglio di lui per interpretare il Rag. Fonelli. Non vi ricordate il Rag. Fonelli? Qui vi volevamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.