Le Pagelle Che Non Lo Erano: Milan-Napoli

Dopo un anno, eccoci in zona rossa. E in effetti i ragazzi contro il Napoli hanno dato un’idea di emergenza, come formazione e come efficienza fisica: per fortuna la prossima partita è tra 4 giorni e non 3, abbiamo il lusso di un giorno in più per prepararla. Ma le Pagelle Senza Voti sono ispirate a tutte le sfumature di rosso possibili.
 
Donnarumma – SUSAN SARANDON
Non ci sentiamo di fare alcun tipo di osservazione a nessuno dei due, non sia mai. Sul gol, Politano colpisce così male da azzeccare il colpo di biliardo – a volte è proprio scritta.
Dalot – NOEMI
La sua prova ricorda inevitabilmente le parole della canzone più famosa della cantante romana, ovvero – mmh, ce ne venisse in mente una. Secondo tempo migliore del primo, se non altro: il Napoli lo lascia persino libero di mettere qualche pallone in mezzo; tanto nessuno li butterà in porta.
Gabbia – RADICCHIO ROSSO
Rientra a sorpresa dopo mesi, e fa quanto gli è possibile. Ma i giocolieri del Napoli se lo mangiano spesso.
Tomori – LUCE ROSSA
È la cosa più eccitante che vediamo in campo. Forse lui per primo, nelle sue più sfrenate fantasie, non si sarebbe mai aspettato di ritrovarsi nel giro di poche settimane a fare da uomo d’esperienza della nostra difesa, ma sono tempi perversi.
TheoHernandez – La nuova FERRARI
Difficile dire… è lui, ma non è lui, c’è qualcosa che continua a mancare; fino al gol (compreso) è un po’ sconsolante, dopo decide di pigiare sull’acceleratore e fa vedere le cose migliori, ma forse in modo troppo garibaldino: prende un sacco di falli (tranne uno, in area), ne fa altrettanti, ma il punto è che sembra fare una sua partita che non ha molto a che fare con quella dei compagni. Qualcuno dovrebbe farli incontrare.
Tonali – FRECCIAROSSA
Inizia a far vedere i motivi per cui il suo biglietto costa così tanto: è quasi sempre puntuale, porta il pallone a destinazione, arriva nelle zone più importanti; certo, il wi-fi nel 2021 è difficile da far funzionare, ma ogni tanto la connessione coi compagni in area c’è e produce alcune delle nostre poche occasioni pericolose.
Kessié – CONTO IN ROSSO
È chiaro che ha speso un sacco. Il Napoli porta il gioco lontano dalle sue normali zone di competenza, e nel desiderio di rendersi utile commette il piccolo errore di uscita che porterà al gol – ma attribuirgliene la responsabilità diretta sarebbe molto fiscale.
Krunic – SIMPLY RED
Una partita dolciastra e malinconica, in un angolo buio, seduto da solo a un tavolo, lo sguardo perso nel bicchiere. Tanto da non accorgersi nemmeno che il bicchiere non c’è, gliel’hanno soffiato in un contrasto.
Castillejo – OTTOBRE ROSSO
Un’interpretazione magistrale: come il sottomarino sovietico, Samu fa perdere le sue tracce e i tifosi milanisti impazziscono nel tentativo di localizzarlo. Nemmeno col sonar.
Calhanoglu – CROCE ROSSA
Pioli dev’essere veramente disperato per metterlo in campo, l’unica cosa che può dare in questa fase sono i calci d’angolo (ma per chi?). Abbiamo bisogno di lui, ma lui ha bisogno di un supplemento di terapia intensiva.
Leao – PROFONDO ROSSO
Che spavento. Che scene impressionanti. Che visione traumatica. Ogni volta che riceve palla in attacco, ci si gela il sangue. Sì, non è il suo ruolo eccetera, ma lo stiamo ripetendo da settimane, sembra una cantilena. E a proposito di cantilene: la la, la, laa… lalala, la – AARGH!
Saelemaekers – RED HOT CHILI PEPPERS
Lucidità zero, ma aumenta il ritmo e dà una scossa al nostro povero festival.
BrahimDiaz – POMODORO
Finisce quasi sempre schiacciato dagli avversari, per di più in una partita in cui l’altrettanto concentrato Insigne riesce a dare sapore alla sua squadra al di là della fisicità.
Rebic – GINGER SPICE
Decide di lasciare la band. Ottima idea, visto che nella nostra infermeria stanno piovendo uomini, alleluia.
Meité – ROSSO ANTICO
Iniziamo a ricrederci sul suo conto e lo facciamo volentieri: ci sembrava di aver tirato su un fiasco da quel vermut di Urbanetto Cairo, invece quando entra in campo mette lo spirito giusto per riprendersi il centrocampo e tentare almeno di pareggiarla con l’orgoglio.
Hauge – CAPPUCCETTO ROSSO
Tutta la personalità di uno che trova un quadrupede nel letto di sua nonna ma decide di non sbilanciarsi.

2 Comments

on “Le Pagelle Che Non Lo Erano: Milan-Napoli
2 Comments on “Le Pagelle Che Non Lo Erano: Milan-Napoli
  1. Complimenti fenomeno, ottobre rosso e simply red sono cosi’ azzeccate che vanno incorniciate! Non e’ facile farci sorridere dopo ieri sera, ma ci sei riuscito di nuovo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.