Frosinone-Milan 0-0, le Pagelle Che Non Lo Erano

Qual è il male oscuro di questo Milan? Forse in realtà è un errore pensare che i giocatori abbiano mali oscuri e speciali, probabilmente sono disturbi comunissimi, banali come la banalità del male. Ecco quindi che le nostre Pagelle Senza Voti sono ispirate dai disturbi più comuni lamentati dagli italiani. Per fortuna là fuori è pieno di gente che conosce la cura – Dio benedica l’università della vita.

Donnarumma – RAFFREDDORE
I compagni vedendo la giornata di sole pensano che possa rimanere scoperto. Con un paio di parate eccellenti porta a casa il terzo clean sheet in un mese ma c’è da dire che quando prendeva gol, ogni tanto vincevamo. Vuoi vedere che alla fine è lui, il nostro male oscuro?
Calabria – EMICRANIA
Abbiamo scoperto di recente che non ha la testa del centrocampista. In terra ciociara viene da dubitare sia che abbia la testa del difensore, che abbia la testa del cursore di fascia. Una testa dovrà pur averla, ma è un enigma da rompersi la testa.
Musacchio – MAL DI CUORE
Niente da segnalare sulla sua partita, ma la verità è che ormai eravamo diventati schiavi d’amore di Zapata e della sua imperiosa fine del 2018. Finalmente impara a giocare, e ce lo tolgono.
Romagnoli – DISLESSIA
Cerca di trascinare la squadra per l’assalto finale, ma evidentemente non capiscono quel che dice. In compenso, quando c’è da protestare per il gol del Frosinone, evita di esprimersi perché qualsiasi cosa dica, gli arbitri lo ammoniscono – perciò manda avanti Donnarumma, che viceversa viene ammonito.
Rodriguez – DOLORI CERVICALI
Proprio non riesce a volgere il capo verso l’area avversaria.
Kessié – DOLORI MESTRUALI
Gioca contrariatissimo. Talmente nervoso che non si fa nemmeno ammonire.
Bakayoko – PESANTEZZA DI STOMACO
Niente da rimproverargli se non la lentezza pachidermica, che però è talmente un classico che è quasi per intenditori.
Calhanoglu – NARCOLESSIA
Ormai si addormenta anche mentre si sveglia. Probabilmente è la più grande causa di sofferenze di Gattuso, che anche stavolta cerca di rimodellare in corsa la squadra nel tentativo di cavarne un sogno ma non c’è proprio verso, sogna solo di addormentarsi.
Castillejo – STRESS
Non sembra, ma è il più pericoloso (…c’è gente che è morta). Prende un palo e impegna Sportiello nel primo tempo, nel secondo sparisce, perché anche lo stress non può reggere a lungo se stesso.
Cutrone – ADHD
Deficit dell’attenzione e iperattività. Si sbatte inutilmente e non c’è con la testa quando dovrebbe. Qualcuno più brutalmente conclude che è scarso, ma è gente che odia i bambini.
Higuain – MAL DI SCHIENA
Evidentemente doversi portare sulle spalle questa squadra è un fardello troppo gravoso per lui. Giunti a questo punto, possiamo apprezzare una cosa: a differenza di qualcuno che lo ha preceduto, non ha mai preteso la fascia di capitano.
Conti – MAL DI DENTI
Messo in campo per provare a mordere, non può davvero farlo.
Laxalt – INCAPACITA’ DI INTENDERE E DI VOLERE
Quello che ci addolora è che gli tocchi metterla in mostra di fronte a tutti invece che in contesti nei quali potrebbe trovare anche dei sostenitori, per esempio come ministro delle infrastrutture.

One Comment

on “Frosinone-Milan 0-0, le Pagelle Che Non Lo Erano
One Comment on “Frosinone-Milan 0-0, le Pagelle Che Non Lo Erano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.