Che vi siete persi – Settimana dall’8 al 14 settembre 2020

Si conclude un’altra settimana, arrivano le ufficialità di Sandro Tonali e a sorpresa anche quella di Tatarusanu, e mentre aspettiamo magari un difensore centrale che male non fa, ci prepariamo ad affrontare lo Shamrock. E queste sono le cose note. Tra le meno note, come sempre, ci sono notizie bellissime che nascono, vivono e muoiono nell’underground rossonero: le facciamo emergere noi, perché ne vale veramente la pena. 

Virgolettato della settimana

Allora, signor Bucchioni, a noi fa piacere che lei sia salito sul carro del neo Pallone d’Oro Manuel Locatelli, come hanno fatto in molti; concordiamo sul fatto che il ragazzo sia migliorato, ma, insomma, cioè, come dire, quando era da noi sembrava essersi un po’ arenato, quindi è stato meglio per tutti che sia partito. E poi, signor Bucchioni, a noi dice di non puntare sui giovani? Noi, che lasciamo giocare Gabbia nel delicato preliminare di Europa League? Noi, che da anni abbiamo il portiere più giovane del campionato di Serie A? Noi, che abbiamo lanciato i vari Cutrone e Calabria, che abbiamo appena preso Tonali, che puntiamo quasi sempre su ragazzi giovani, ultimamente (vedi alle voci Colombo, Daniel Maldini, Kalulu, Roback)? Suvvia, signor Bucchioni, la morale young, se proprio vuole, può farla a chi al momento ha uno Young di 35 anni in rosa.

 

La notizia di mercato della settimana

Prendiamo Vecinoooo! L’ultima parola agli uruguagiiii! L’acquisto charruooooo! L’ultimo colpo è uruguagio! L’ultima parola nel calciomercato, è la loro! Hanno un costo del cartellino differente, lo capisci o no? L’acquisto che graffia! Questa è la storia, che si ripete.

Secondo qualche fonte, tra le quali l’autorevole Corriere dello Sport, saremmo interessati all’acquisto del super Matias, l’uomo del destino, eccetera. Restiamo a guardare, un po’ perplessi e un po’ scioccati, come quando ascoltammo quella ormai famosa telecronaca.

La notizia che spacca

Ultimamente ha fatto molto scalpore la notizia riguardante un grande ex rossonero, un campione del mondo del 2006 che con il Milan ha vinto tra le altre cose anche la Champions League nel 2007, che nel prossimo campionato si siederà su una panchina per allenare dei giocatori che indosseranno maglie tristemente bianconere. Guiderà una squadra che, tra le altre cose, nel recente passato è stata allenata anche da Antonio Conte. Avete capito di chi parliamo, no? Ecco, noi ci sentiamo di fargli il nostro in bocca al lupo: vai, Gila! Spacca tutto, come fa questa notizia.

La statistica della settimana

E che campagna acquisti, ragazzi! Praticamente di tutti quelli che arrivarono nel 2017 sono rimasti (titolari) Kessié, Calhanoglu e mezzo Conti, che si gioca il posto con Calabria. Qualcuno ce lo siamo perso per strada, altri sono ancora in rosa ma giocano poco/pochissimo, nel frattempo Mirabelli continua ad essere interpellato sul Milan e noi guardiamo con nostalgia a quel periodo in cui pensavamo che tutto fosse possibile, anche spendere circa 200 milioni sul mercato per arrivare sesti come l’anno prima, ed essere prelevati da un fondo d’investimento, un anno più tardi.

Ma come sta Ibrahimovic? Ha mangiato, è tranquillo, pensa a noi?

Avete notato la sua assenza contro il Brescia, vero? Sembra che Ibrahimovic abbia un problemino fisico, proverà a recuperare per giovedì ma chissà, forse ce la giocheremo con Colombo: lo scopriremo solo seguendo le notizie sulle probabili formazioni. Però, sapete una cosa? Ora che Ibra ha firmato, accettiamo le notizie con più serenità: è infortunato, pazienza, recupererà prima o poi. Siamo diventati molto zen, dopo la sua firma: meditiamo in cima a una montagna, la stessa sulla quale lui ogni tanto si fa raffigurare in pose trionfanti. Come i suoi giovani colleghi rossoneri, che ostentano la tranquillità di chi sorseggiano un caffé, anche noi via via assomigliamo sempre di più al nostro idolo.

E comunque, sui social

Portieri che indicano alle telecamere il rinnovo del contratto.

(Leonardo Mazzeo)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.