Che vi siete persi: 14-27 settembre 2020

Si sono (quasi) concluse due settimane intensissime! Abbiamo vinto le nostre prime tre partite, l’ultima con qualche difficoltà vista la positività di Ibra al tampone, notizia che tutto sommato, non dovrebbe essere tra quelle che vi siete persi. E quindi ora si attende, si spera che torni presto, e nel mentre si leggono notizie a volte curiose e inaspettate, e ingiustamente sottovalutate perché non parlano dell’arrivo di Chiesa e Milenkovic. Suvvia! Supportiamo i rossoneri, poi pensiamo ai viola. Che poi un ex viola è già arrivato anche se un po’ in sordina, e cominciamo proprio da lui, nel riepilogone settimanale.

Virgolettato della settimana

C’è una pagina Facebook bellissima che si chiama Serie A Razionale, che può essere spiegata in modo eccellente attraverso questo virgolettato dell’ex Fiorentina Tatarusanu. Ci sentiamo di concordare col nostro numero 1: il campionato francese è molto, molto diverso da quello italiano. Ad esempio:

  • Si chiama Ligue 1 e non Serie A
  • Ci giocano PSG e Marsiglia, mentre Bologna e Benevento ne vengono vigorosamente escluse.
  • Di solito in campo si parla francese, quindi sembra esserci un atteggiamento abbastanza élitario.
  • Le partite si giocano tutte dentro i confini della Francia, mentre il campionato Italiano si gioca in Italia. Finché nessuno offre di più.
  • Gli arbitri del campionato francese sono francesi, mentre quelli del campionato italiano sono juven… Italiani.

Due campionati davvero diversi, ma naturalmente è una cosa che si può scoprire solo se si è fini osservatori.

La notizia di mercato della settimana

Dai, Maldini, Pioli ha delle richieste di mercato sensate: un difensore centrale per dare il cambio a Kjaer e Romagnoli, magari un esterno alto a destra di livello. Ci sembrano tasselli necessari, si può fare uno sforzo per accontentarlo. Non chiede mica la Luna.

La notizia che spacca

Ok, va bene che ormai non ci ferma più nessuno; ma addirittura scomodare le calamità naturali per arginarci ci sembra un po’ troppo, non trovate? In questa settimana di pioggia e freddo quasi norvegese, un albero è caduto a causa di una tromba d’aria. Ovviamente ha fatto meno rumore di quando cade Ibrahimovic – e la terra ha tremato molto, molto meno.

La statistica della settimana

Cioè, vi rendete conto? Non perdiamo da 16 partite!

Ok, fate tutti i riti scaramantici che conoscete, poi tornate a focalizzare: è un filotto decisamente non immaginabile, fino a qualche mese fa, che ci fa tornare indietro addirittura al 2008, quando in panchina c’era Ancelotti e Maldini era ancora un calciatore, difensore e capitano del Milan. Al suo fianco nella retroguardia rossonera, tra gli altri, c’era anche Philippe Senderos. Ve lo ricordate? Un svizzerone grande e grosso. Chissà cosa farà oggi… A quell’epoca era uno dei difensori più scarsi in rosa ma… Ehm, Philippe, non è che sei libero per domani sera?

Ma come sta Ibrahimovic? Ha mangiato, è tranquillo, pensa a noi?

Sì, il tampone è positivo, il Covid lo ha colpito, lui lo colpirà più forte. Ci serve come il pane, col Bodo abbiamo faticato un po’ troppo senza di lui, ma nel frattempo il giovane Colombo sembra essere stato istruito a dovere, quindi stiamo un po’ più sereni anche noi: Zlatan è tranquillo, pensa sempre a noi, mangia e mastica. E comunque, sui social

Guardate chi è tornato! Ecco svelato il mistero: era assente perché troppo occupato a farsi i capelli come il resto della squadra, si dice che senza zazzera bionda ormai non si possa più entrare a Milanello. Neanche se si è delle autentiche sagome.

(Leonardo Mazzeo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.