Un uomo e il suo sogno

Gnam!

“Tutti vorrebbero essere al Real, la squadra più forte al mondo, e per me si realizza un sogno. Non so se altre squadre si sono mosse bene prima o dopo del Real, la mia scelta era giocare al Real Madrid. Io non ho avuto nessun tipo di problema, sin dal primo giorno di 5-6 mesi fa, è stata la mia idea. Sono venuto qui per cambiare a livello umano”
(4 gennaio 2006, presentazione Real Madrid)


“La mia esperienza al Real non è stata bella: mi definivano ‘grasso’ e non mi apprezzavano. Oggi sono pronto a mettere le cose a posto. Domani sera ci penso io”
(30 giugno 2012, vigilia della finale di Euro 2012 Italia-Spagna)

“Avevo bisogno di tornare a casa, in Italia. Ho scelto Genova perché credo che questa sia la società giusta, la città giusta, l’ambiente giusto. Il progetto della Sampdoria è importante, ha avuto fiducia in me quando ero in difficoltà, e io voglio far parte di questo progetto. Voglio tornare a essere un calciatore protagonista. Bisogna essere umili, lavorare e vedere dove si potrà arrivare”
(18 agosto 2007, presentazione Sampdoria)

“Vecchio di merda! Figghj d’ b’cchin!”
(30 ottobre 2010, conversazione con Riccardo Garrone, presidente Sampdoria)

“Sono qui per vincere scudetto, Champions League e Mondiale per Club. Devo cambiare per forza. So che questa è l’ultima grande occasione della mia carriera. Se sbaglio anche qui, sono da rinchiudere in manicomio. Il Milan è come una famiglia, ci sono tanti campioni che danno l’esempio. Il Milan sarà la mia ultima squadra, sono arrivato al top. Più del Milan non c’è nulla, c’è solo il cielo”
(14 gennaio 2011, presentazione Milan)

“Finalmente realizzo il mio sogno!”
(22 agosto 2012, presentazione Inter)

2 Comments

on “Un uomo e il suo sogno
2 Comments on “Un uomo e il suo sogno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.